La gravidanza è una controindicazione per la vaccinazione covid-19?

Vaccinarsi contro la pandemia di covid-19 solleva abbastanza domande a cui le autorità stanno cercando di rispondere. Hanno menzionato le donne incinte e i casi di controindicazione alla vaccinazione. Qual è allora il risultato del caso delle donne incinte? Quali sono i casi di controindicazioni alla vaccinazione? La risposta in questa sezione.

E le donne incinte in Covid-19?

È tanto naturale quanto prudente sapere se le donne incinte corrono un rischio facendosi vaccinare in questo periodo pandemico. Questo rischio può essere valutato in termini di effetti collaterali o di sviluppo di anticorpi che complicano la gravidanza. A tutte queste preoccupazioni, l'autorità sanitaria statale francese ha risposto negativamente dando le tre controindicazioni legate alla vaccinazione. In queste controindicazioni, non si parlava di donne incinte in nessuna fase della gravidanza. Allo stesso modo, le donne incinte non potranno avere effetti collaterali legati alle allergie. Infatti, solo le prescrizioni mediche specifiche possono essere riconosciute come controindicazione, secondo l'autorità ministeriale. Così, la richiesta di essere vaccinati a partire dal secondo trimestre è annullata in considerazione della negatività delle prove concluse negli Stati Uniti. Tuttavia, sarebbe logico sapere quali sono le controindicazioni di Covid-19 per i francesi.

Quali sono le controindicazioni per Covid-19?

Ancora con le informazioni ufficiali del Ministro della Salute, alcuni nomi relativi alle controindicazioni. Per prima cosa ha indicizzato un centinaio di francesi, o almeno quelli che sono presenti nei dati dello Stato. Questa statistica riguarda i bambini con la sindrome PIMS, conosciuta anche come infiammazione multisistemica pediatrica. Questo è un effetto raro che deriva da una complicazione infantile. Colpisce solo coloro che sono stati infettati da Covid-19. La seconda categoria di persone, tra il centinaio di persone menzionate, sono quelle che soffrono di miocardite, epatite e pericardite acuta. Queste infiammazioni li hanno già portati all'ospedalizzazione, dopo un'inoculazione dell'mRNA. La terza parte del centinaio sono i pazienti che hanno disturbi verso il PEG200 o le molecole del vaccino e secondo l'autorità, questo non si estende a circa venti persone in Francia.